DANIEL BUREN
OGGI QUI. LAVORI IN SITU
18 Settembre 2008 - 30 novembre 2008

Giovedì 18 settembre 2008 alle ore 19.00 lo Studio Trisorio di Napoli in via Riviera di Chiaia, 215 inaugura la stagione espositiva con una mostra di Daniel Buren che ha realizzato un progetto studiato appositamente per gli spazi della galleria, un nuovo lavoro basato sull'interdipendenza fra l'opera e il luogo che la ospita.

Il colore, la geometria, lo spazio sono i campi d’azione privilegiati dell’artista francese, le strisce verticali bianche e colorate larghe esattamente 8,7 cm sono la cifra stilistica inconfondibile, lo “strumento visivo” invariabile, di cui Buren si serve in ogni sua opera fin dagli anni ‘60.

I segni di Buren mediano il rapporto fra il luogo e l’opera. Le sue bande di colore si sovrappongono alle architetture connotandole di una nuova energia cromatica, creando nuovi percorsi visuali o complesse strutture ambientali fruibili e abitabili dallo spettatore.

I colori sono definiti dall'artista "gli elementi più profondi ed essenziali nel capo delle arti visive; non sono reimpiazzabili dalla parola, dalla musica, dalla filosofia. Rappresentano un impegno a se e non è possibile descriverli a parole".

Daniel Buren ha ricevuto nel corso della sua lunga carriera molti riconoscimenti e premi fra i quali il Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 1986 e il Praemium Imperiale per la pittura della Japan Art Foundation nel 2007. Ha realizzato interventi pubblici, e mostre in tutto il mondo e innumerevoli installazioni permanenti come Les Deux Plateux (1985-1986) nella Corte d’Onore del Palais-Royal a Parigi; Sens dessous Dessous (1994) al Parc des Célestins di Lione; 25 Porticos: The Color and its Reflections (1996) Tokyo; Sulle vigne: punti di vista, al Castello di Ama, Gaiole in Chianti (2001); Cer-chi nell'Acqua alla sede ARIN di Ponticelli, Napoli, (2004); Puente de la Salve, sull’omonimo ponte adiacente al Guggenheim Museum di Bilbao (2007); Le Banderuole colorate, lavoro in situ, sulle terrazze panoramiche del lanificio Zegna di Trivero (giugno 2008). Ad ottobre il Museo Picasso di Parigi gli dedicherà una vasta esposizione.