JOHN WOOD & PAUL HARRISON
Roma, 4 febbraio 2009
Napoli, 6 febbraio 2010

Mercoledì 4 febbraio allo Studio Trisorio di Roma e venerdì 6 febbraio allo Studio Trisorio di Napoli alle ore 19.00, saranno presentate per la prima volta in Italia le video installazioni degli artisti inglesi Paul Harrison e John Wood.

 I due artisti lavorano insieme nell’ambito della videoarte dal 1993, realizzando azioni in cui il corpo umano e gli oggetti quotidiani sono usati come strumenti per indagare lo spazio e sperimentare le leggi di azione e reazione. Il loro linguaggio è caratterizzato da un approccio minimalista, concettuale e ironico allo stesso tempo.

Harrison e Wood sono spesso i protagonisti dei loro video: muovendosi nello spazio di un  “white cube”, interagiscono con oggetti semplici su uno sfondo neutrale creando situazioni aneddotiche compresse in pochi minuti. Azioni e situazioni - come anche lo spazio - sono sempre fortemente stilizzate e nascono da disegni semplici che invitano l’osservatore ad un “reality show” nel quale gli artisti sperimentano la capacità di rischiare. La loro ricerca riflette l’interesse per la performance, la scultura e l’architettura.

Paul Harrison e John Wood hanno esposto di recente al MOMA e al White Columns di New York, al Mori Art Museum di Tokyo, alla Tate Britain di Londra, al Centre Pompidou di Parigi, al CCA Wattis di San Francisco, al MIMA di Middlesbrough, alla Ffotogallery di Cardiff e al Ludwig Museum di Budapest. Le loro opere si trovano in collezioni pubbliche e private, come la Tate Gallery di Londra, il MOMA di New York, il Centre Pompidou, il Tel Aviv Museum, il New Museum e l’Art Gallery di Walsall e la Ludwig Collection di Aquisgrana.


On Wednesday February 4 at Studio Trisorio in Rome and Friday February 6 at Studio Trisorio in Naples at 7.00 p.m. for the first time in Italy video installations of the English artists John Wood and Paul Harrison will be presented.

The two artists work together in the medium of video since 1993. They realize actions in which the human body and every day objects are used as instruments to explore the space and to prove the rule of action and reaction. Their language is characterized by a minimalist as well as conceptual and ironic approach.

Harrison and Wood are often protagonists of their videos: they inhabit the space of “white cube” type, they interact with simple objects on neutral background, create anecdotic situations, compressed in few minutes. Actions and situations – as well as space – are always strictly stylized. They derivate from schematic diagrams, they invite the observer to   a “reality show” in which the artists explore their capacity to risk. Their research reflects the interest in performance, sculpture and architecture.

Paul Harrison e John Wood have recently exhibited at MOMA, White Columns in New York, CCA Wattis in San Francisco, MIMA in Middlesbrough, Fotogallery in Cardiff and the Ludwig Museum in Budapest. Their works are in public and private collections as Tate Gallery, London, Museum of Modern Art and New Museum, New York and Art Gallery, Walsall, Government Art Collection and Arts Council Collection, London.